Sistema Informativo Beni Culturali

Ultimo aggiornamento: 11/07/2013

Il progetto Sistema Informativo Unico dei Beni Culturali

II Sistema informativo Unico per i Beni Culturali nasce per divenire il principale contenitore dell'informazione per chi deve operare nella tutela e prevenzione dei Beni Culturali in Umbria, e per raccogliere al suo interno le informazioni relative ai beni provenienti dalle banche dati dei singoli soggetti partecipanti al progetto e le informazioni relative al posizionamento dei beni sul territorio. 

In situazioni di calamità é di fondamentale importanza assicurare, a tutti i soggetti che operano nella fase critica, il giusto insieme di informazioni e gli strumenti di gestione appropriati, per consentire loro di operare tempestivamente nel luogo richiesto.

Relativamente ai Beni culturali colpiti da calamità, le necessità informative acquisiscono una valenza ancor più significativa, in quanto la carenza di conoscenze dettagliate sulle caratteristiche e sui valori intrinseci delle opere e sui particolari comportamenti degli oggetti sottoposti a condizioni ambientali anomale, possono determinare distruzione e grave deterioramento degli stessi, con danni economici di inestimabile entità.


Le finalità del progetto

Il Sistema si propone di riunificare l'informazione sui Beni Culturali, attualmente assai dispersa fra i vari Soggetti competenti, in funzione della gestione dell'emergenza, di definire le modalità di popolamento del Sistema e garantire che il Sistema funzioni a pieno regime nei periodi di emergenza.

In fase di emergenza, infatti, il Sistema deve essere in grado di funzionare in modo autonomo e deve detenere pertanto, al suo interno, tutte le informazioni necessarie allo svolgimento delle operazioni, preventivamente acquisite ed elaborate.

A tal fine è prevista la costituzione di una banca dati centralizzata, alimentata costantemente in tempo di pace dai vari soggetti partecipanti al progetto e competenti nelle diverse materie, tramite procedure di trasferimento dati in preferenza automatiche, operanti in rete e da eseguire con periodicità definita per mantenere sempre aggiornate sia le informazioni sugli oggetti tutelati (caratteristiche strutturali, vulnerabilità, localizzazione, etc.) sia quelle su risorse materiali, tecnologiche e procedimenti.

Il Sistema dovrà, più in generale, garantire per quanto possibile l'interoperabilità con i sistemi informatici dei soggetti cooperanti, implementando soluzioni che consentano i massimi livelli di fruibilità reciproca delle banche dati e di congruità logica e tecnologica con gli applicativi dei sistemi interoperanti.



  • Il contesto istituzionale

    Il progetto del Sistema Informativo Unico dei Beni Culturali è parte dell'Accordo di Programma Quadro "Tutela e prevenzione dei Beni Culturale nella regione Umbria", volto all'attuazione di progetti finalizzati alla realizzazione di interventi per l'attivazione del Centro Operativo Beni Culturali in raccordo e ad integrazione con il Centro regionale Protezione Civile.

    In particolare, la interconnessione con gli altri progetti si realizza con lo scambio di informazioni e nella identificazione di tutte le necessita applicative e nella relativa implementazione delle soluzioni gestionali.

    Con deliberazione della Giunta regionale n. 1172 del 28.07.04 sono stati approvati lo "Studio volto all'integrazione delle attività del Centro Operativo per la conservazione, la manutenzione e la valorizzazione dei beni storico-artistici, archivistici e librari dell'Umbria, con il Centro regionale di Protezione Civile" e il "Piano di azione per l'attuazione del Parco progetti pilota e del Centro regionale di Protezione Civile". 

    In data 15 dicembre 2004 è stato firmato l'APQ "Tutela e prevenzione dei beni culturali nella Regione Umbria" tra il Ministero dell'Economia e delle Finanze, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Protezione Civile e la Regione Umbria. 

  • I Soggetti coinvolti

    E' prevista l'attivazione dei flussi informativi e situazioni di interoperabilità del Sistema Informativo Unico dei Beni Culturali con i seguenti soggetti:

    • Soprintendenza per i Beni architettonici, il Paesaggio, il Patrimonio storico, Artistico e Demoetnoantropologico dell'Umbria;
    • Vice-Commissario Straordinario per l'Umbria per il terremoto del 1997, e per esso Direzione Regionale per i Beni culturali e paesaggistici:
    • Regione Umbria, Servizio Musei e Beni Culturali
    • Regione Umbria, Sistema Informativo regionale Ambientale e Territoriale - SIAT
    • Regione Umbria, Servizio Protezione Civile
    • Altri Servizi regionali
    • Diocesi
    • I.C.R. ed I.C.C.D.